Consulenza alla creazione di Strutture d'Infanzia

 Sei alla ricerca di personale qualificato a cui affidare il tuo bimbo? Sei interessata ad un'occupazione in grado di conciliare lavoro e famiglia?

Consulenza ed assistenza per la creazione di strutture per l’infanzia.

 Creazione di NIDI  - Educatrici Domiciliari
 
Le seguenti informazioni sono tratte da www.tagesmutter-domus.it/ .
 
Il modello Educatrice Domiciliare
 
Capisaldi del modello nido familiare - Educatrice Domiciliare sono:
- la centralità della casa, luogo dove l'educatrice di nido familiare (Educatrice Domiciliare) accoglie i bambini di cui si prende cura, come ambito simbolico/educativo;
 
- l'affidamento nominale del bambino da parte dalle famiglie alla singola Educatrice Domiciliare inserita però in una rete che la supporta sia per gli aspetti organizzativi che ludico-pedagogici;
 
- il collegamento delle varie Educatrici Domiciliari con Giano Asso.Co.I.M. che le supporta mettendo a loro disposizione professionalità altamente specializzate (psicologa, pedagogista, logopedista, coordinatrici) e intervenendo nel contempo a supporto della motivazione con conseguente ricaduta positiva sulla qualità del servizio;
 
- una forte relazione con le famiglie utenti;
 
- la flessibilità degli orari e la dimensione molto contenuta della comunità d'inserimento;
 
- la capillarità sul territorio: il non dover creare particolari strutture e l'utilizzo di personale residente nel luogo dà la possibilità di un'offerta capillare che si traduce in una altissima usufruibilità;
 
- l'auto-imprenditorialità femminile: le Educatrici Domiciliari sono socie dell'Associazione che eroga il servizio, così da promuovere un percorso di corresponsabilità e di auto-impiego che trasforma una situazione potenzialmente improduttiva in una risorsa per tutta la comunità, favorendo tra l'altro l'emersione del lavoro nero.
 
Quali sono i requisiti per iniziare il servizio di nido familiare?
Al momento il requisito di accesso è la licenza di scuola media inferiore (terza media), in abbinamento con un'età di almeno 21 anni, frequentare il nostro corso di ASSISTENTE ALL’INFANZIA  della durata di 200  ore , che porta ad un attestato di frequenza, e che per ora è sufficiente per poter iniziare ad offrire il servizio, in coordinamento e sotto la supervisione di Giano Asso.Co.I.M.
 
Quali sono gli orari di apertura del nido familiare?
E’ la singola educatrice domiciliare, in base alle sue esigenze personali ed alla sua disponibilità a decidere in linea di massime se offrire un servizio su tutto l'arco della giornata o solo in alcune fasce orarie.
La tagesmutter può costituire una impresa individuale o altre forme di impresa profit?
 
Il nostro progetto, esclude tassativamente la possibilità di lavoro autonomo della Educatrice Domiciliare , che deve svolgere la sua attività sempre in collegamento con Giano Asso.Co.I.M.
 
Quanto guadagna una educatrice domiciliare?
Dipende dal contratto di lavoro e dal regolamento interno della nostra associazione. Il reddito dell’ Educatrice Domiciliare è direttamente proporzionale al numero di bambini accolti ed all'orario di svolgimento del servizio. Soprattutto quando i bambini accolti sono più di uno o due il reddito diventa adeguato, tenendo conto della particolare condizione di lavoro .

<<< back